15 Maggio 2024

Violenza epistemica e orientamento al ribasso: (ri)pensare la scuola per le nuove generazioni

Articolo scritto da

Articolo scritto da

Hangar Piemonte

Hangar Piemonte

Hangar Piemonte

Mackda Ghebremariam Tesfau, ricercatrice e docente che si occupa di razializzazione e colonialità nell’ultimo articolo pubblicato in collaborazione con Ag Cult/Letture Lente ci accompagna in una riflessione sul sistema educativo italiano e sulla sua incapacità di comprensione e adattamento rispetto ai cambiamenti avvenuti all’interno delle classi, composte in misura sempre maggiore da persone con background migratorio. Partendo dalle sue esperienze di osservazione partecipante svolte all’interno dei contesti scolastici, Tesfau evidenzia la violenza epistemica, esercitata attraverso e contro la cultura, che permea i programmi scolastici e il desiderio degli studenti di creazione di spazi di confronto orizzontale in cui imparare e riconoscersi.

Il contributo rientra nella curatela di Giulia Grechi per l’approfondimento della narrazione Decoloniale.

Leggi l’articolo completo al seguente link.

L’autrice

Mackda Ghebremariam Tesfau è ricercatrice e docente a contratto presso Unipd, Iuav Venezia, Stanford Florence e NYU Florence. Nei suoi studi si occupa di razzializzazione e colonialità in ottica antirazzista. Ha co-tradotto “Memorie della Piantagione” di Grada Kilomba e “Undrowned” di Alexis Pauline Gumbs. Mackda è inoltre tra le ideatrici della borsa di residenza e ricerca artistica dedicata ad Agitu Ideo Gudeta e promossa da Centrale Fies, Razzismo Brutta Storia e Black History Month Florence.

Condividi