6 Maggio 2024

H-Point

I vincitori della call 2024/25 Hangar Point – prima fase

News scritta da

News scritta da

Hangar Piemonte

Hangar Piemonte

Hangar Piemonte

Si è ufficialmente conclusa la prima selezione degli spazi e dei progetti che accompagneremo nella nuova edizione di Hangar Point 2024/2025.

15 spazi, dal centro di Torino alle periferie, da Ivrea a Biella, passando per il cuneese e la zona delle Langhe fino al Lago D’Orta: anche quest’anno i progetti selezionati coprono gran parte del territorio regionale. I vincitori della call avranno a disposizione un accompagnamento gratuito realizzato con il coinvolgimento di un team trans-disciplinare composto da più di 20 professionisti fra esperte/i nelle tecniche di project management, artiste/i, curatrici e curatori, architette/i e ricercatrici e ricercatori con l’obiettivo di fornire conoscenze e competenze complementari in diversi ambiti – project management, organizzazione aziendale, sostenibilità, comunicazione strategica, fundraising, comunicazione digitale, progettazione architettonica e urbanistica, progettazione e programmazione artistica e culturale – nonché conoscenze teorico-pratiche per la messa a fuoco dell’orizzonte culturale del proprio processo trasformativo.

I 15 spazi scelti hanno accesso alla fase 1, in programma a Torino in presenza da maggio a dicembre 2024, che propone 11 incontri di 6 ore ciascuno volti ad offrire un percorso di inquadramento, analisi e potenziamento progettuale attraverso focus su differenti aspetti della progettazione: dall’analisi delle urgenze che attraversano la società contemporanea alla visione di alcuni modelli di riferimento, dal networking con altre realtà alla costruzione di reti territoriali allargate, dal consolidamento della qualità artistica del progetto alla definizione del budget fino alla misurazione e valutazione d’impatto e alla rendicontazione

Hanno vinto la prima fase del percorso di Hangar Point grazie alle proprie proposte e reti

  • Banda Larga APS, associazione che desidera costruire diverse reti di enti attorno alla co-gestione di più spazi sul territorio torinese sperimentando una nuova offerta culturale e un modello innovativo di impresa, migliorando al contempo l’attrattività del territorio e offrendo alla cittadinanza nuovi spazi sicuri dove incontrarsi. Il progetto prevede la partecipazione di Amici dell’Imbarchino APS, Va Lentino SRL società benefit, Pietra Tonale ETS, Culto ETS, Stasis, Metamorfosi Notturne, ALMARE, Cripta747, Club Futuro, Sintetica e altre realtà del sottobosco musicale torinese.
  • Atelier Laboratorio delle Buone idee APS, che sta lavorando alla creazione di un centro culturale all’interno di un’ex fabbrica tessile al fine di sperimentare, riflettere e produrre attorno al rapporto uomo-natura e alla transizione ecologica. Il progetto verrà portato avanti con la partecipazione di ACTA Sensi Contemporanei, il collettivo internazionale Capsa, l’associazione Atelier Rohling e Campo Base Project, oltre ad altri soggetti appartenenti alle reti di cui Atelier Laboratorio delle Buone idee APS è parte.
  • Associazione T.A.A.C. (Cripta747), la quale nel 2023 ha ottenuto uno spazio comunale nel cuore di Torino, in via Giolitti 32 C, con l’obiettivo di renderlo un centro culturale attivo, focalizzato sulle arti time-based come il video, il suono o le performance. Al centro del progetto, oltre alla riqualificazione di quello spazio, un ripensamento della strutturazione interna dell’Associazione e la definizione di un modello di gestione condivisa dal basso. Partecipano al progetto la rete informale The Listeners, composta da Cripta 747, Almare e Metamorfosi Notturne, oltre alle associazioni Almanac, Mucho Más, Cemera – Centro Italiano della Fotografia, Circolo del design, Amalgama e Wild Strawberries.
  • ICO Impresa Sociale il cui progetto si propone di creare un nuovo polo culturale in grado di accompagnare e favorire il processo di valorizzazione e promozione della città di Ivrea, riconosciuta come patrimonio mondiale dell’umanità Unesco. Insieme a ICO Impresa Sociale lavorano a questo progetto ICONA s.r.l., s.r.l: società proprietaria degli immobili Officine Ico di Via Jervis e F.A.I, Fondo Ambiente Italiano.
  • Comune di Venaria il quale sta avviando un cantiere di ripensamento del Centro Storico al fine di rigenerarne il tessuto socioeconomico e migliorarne la vivibilità. In questo quadro rientra il progetto di riqualificazione dell’ex Caserma Beleno in collaborazione con Consorzio delle Residenze Reali Sabaude, Ente di Gestione delle Aree Protette dei Parchi Reali – La Mandria, Fondazione Via Maestra, CSV Vol.To, Fondazione Centro per la Conservazione ed il Restauro dei beni culturali “La Venaria Reale”, Museo Nazionale del Cinema, FilmCommission Torino Piemonte, ProLoco Altessano Venaria Reale APS.
  • Fondazione Pistoletto Cittadellarte Onlus la quale con il progetto Biella Città Arcipelago ha l’obiettivo di dare vita ad uno spazio condiviso e partecipato dalla “comunità locale estesa” dove raccontare le buone pratiche di sostenibilità in atto nel Biellese e di avviare un percorso di rigenerazione del tessuto sociale e culturale biellese. In collaborazione con Fondazione Biellezza, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, le amministrazioni locali: con la partecipazione attiva di oltre 25 sindaci del Biellese coordinati dalla Provincia di Biella, L’Associazione Il Filo da Tessere.
  • Politecnico di Torino, il quale, insieme al Consorzio Forestale di Piedicavallo, alla Fondazione ZOOM ETS, alla Fondazione LINKS e a GES.TER propone il progetto il PERcorSo Innovativo nel bosco (PERSI) finalizzato ad una moderna gestione della montagna e della pista forestale in terra battuta a monte dei due paesi Piedicavallo e Montesinaro attraverso installazioni artistiche e componenti digitali.
  • Cooperativa Sociale Progetto Emmaus che lavora per offrire a Langhe e Roero un’oasi inclusiva di cultura, cura, sostenibilità all’interno di Villa Moffa. in collaborazione con altri 12 soggetti, tra liberi professionisti, agenzie di comunicazione, Fondazioni e Associazioni di categoria.
  • Mastronauta APS ETS che propone la trasformazione di una porzione dell’ex fabbrica di giocattoli F.A.R.O ad Omegna in uno stabilimento culturale multifunzionale incentrato sulla valorizzazione educativa, antropologica e sociale della collezione storica di giocattoli prodotti. La co-progettazione coinvolge il Comune di Omegna e la Fondazione P.Ar.C.O. ETS.
  • Club Silencio che in collaborazione con Acronima APS, Generativa! APS, Il Cerchio e le Gocce e Associazione per la Ricerca Sociale ETS presenta Aurora Sogna in Grande, progetto triennale di trasformazione culturale e di community empowerment di Aurora che, tramite il potenziamento del fermento culturale latente e la valorizzazione dei talenti under 35 del quartiere, vuole creare valore condiviso e generare un impatto positivo a livello sociale ed economico.
  • Onda Larsen, il cui obiettivo è proporre lo Spazio Kairòs, sede dell’associazione, come presidio culturale e sociale per la rigenerazione del quartiere Barriera di Milano e per la partecipazione attiva e creativa da parte dei cittadini, in connessione non solo con le associazioni esistenti ma con tutti gli enti, realtà ed esercizi commerciali della zona. In collaborazione con Compagni di viaggio APS.
  • Comune di Rifreddo che aspira a offrire nuove opportunità di partecipazione attiva ai giovani del territorio, contrastando spopolamento e innalzamento dell’età demografica. L’obiettivo è la sperimentazione e co progettazione di una programmazione di attività culturali, animative ed aggregative all’interno del Laboratorio del Paesaggio Montano, che vedranno l’associazione “Giovani di Turno” nel ruolo di punto di riferimento. In collaborazione con Istituto Comprensivo Sanfront – Paesana plessi di Rifreddo, Parrocchia di Rifreddo, Proloco di Rifreddo, Consorzio Monviso Solidale, S. P. D. Valle Po, Parco del Monviso, l’associazione Sicurezza e soccorso valli del Monviso, Associazione Naturalistica “Vesulus” APS, LUNA LUCEBAT, MONVISO SALVAMENTO, COMUNE DI REVELLO.
  • Collaboratorio APS, la quale desidera reinventare la Cascina Bajotta di Savigliano dando vita ad un piccolo ecosistema auto-sostenibile, proponendo eventi culturali, artistici e educativi accompagnati da una cucina km 0 e instaurando una rete di condivisione di risorse e spazi all’interno del territorio. Il progetto vede la partecipazione di Comune di Savigliano, Verde baleno associazione culturale, Centro di Turismo Escursionistico (C.T.E.) di Savigliano, Pro loco Genola a.p.s., Alex A.P.S., Rigenera A.P.S., CONMOI E.T.S. A.P.S.
  • Kaninchen-Haus APS, il cui progetto prevede l’apertura di Borealis, un nuovo spazio di immaginazione e promozione dell’arte e della cultura come strumento di trasformazione sociale e urbana nel cuore del quartiere Aurora di Torino. In collaborazione con Il Punto SNC, Kilowatt Festival / Capotrave, Torino Città per le Donne e Circoscrizione 7 della Città di Torino.
  • Compagnia Controscena – Il Piccolo Teatro d’Arte che mira ad attivare all’interno di una struttura storica, il Centro Culturale Isabella, un nuovo polo di aggregazione in grado di intercettare e coordinare le richieste dei cittadini e delle associazioni locali. La Compagnia Controscena è un’associazione di secondo livello che riunisce al suo interno: Compagnia Controscena – il Piccolo Teatro d’Arte, ADA APS, Minollo, Non più soli_Edera, PHLIBERO APS ETS.

Li incontreremo venerdì 24 maggio per una prima presentazione del percorso che faremo insieme.

Al termine della prima fase di formazione, 6 di questi spazi saranno ulteriormente selezionati e ammessi alla seconda fase costituita da un accompagnamento su misura di 160 ore che si snoderà nel corso del 2025.

Condividi